PROGRAMMARE IL FUTURO

Salvatore Pisani, GM dell’Hotel Splendid Venice

 

#management #sfide #lusso

tempo di lettura: 2 minuti

Salvatore Pisani, vincitore del premio Hotel Manager Italiano 2021, ci racconta il futuro dell’ospitalità

«La ripartenza passa inevitabilmente attraverso tante azioni che in qualità di manager dobbiamo mettere in campo. La chiave, però, è ricordarsi che oggi il turismo va prima di tutto programmato, non reinventato».

 

In un mondo in rapida evoluzione e al cospetto di una pandemia che sembra voler scardinare regole e assunti di un settore in fase di ripartenza, Salvatore Pisani, General Manager dell’Hotel Splendid Venice – Starhotels, Presidente Turismo e Servizi di Confindustria Venezia nonché vincitore del riconoscimento quale Hotel Manager 2021, non ha dubbi. L’asset vincente per il new normal dell’ospitalità non si cela dietro sorprendenti novità o chissà quali colpi di genio, ma risiede in un’attenta attività di programmazione.

PISANI_2A

«La programmazione, a maggior ragione in un periodo di difficoltà congiunturali – spiega Pisani – permette di avere vantaggi soprattutto qualitativi. Gli indici del mercato mostrano come la qualità generi oggi risultati maggiori se paragonati a quelli del turismo non qualificato». Una capacità di guardare al futuro e rifletterlo nella programmazione odierna che, non a caso, gli è valsa il premio di EHMA – European Hotel Managers Association, per «l’eccellente lavoro di rinnovamento e rilancio della struttura in un periodo di forte concorrenza dell’offerta, l’ottima gestione finanziaria, il grande spirito d’innovazione e la forte spinta alla cultura e alla vita sociale della comunità, la creazione di una squadra interna coesa e l’attenzione allo sviluppo dei talenti».

«IL TURISMO VA PROGRAMMATO

NON REINVENTATO»

Tutti elementi chiave per un hospitality management vincente e al passo con i tempi. In grado di decifrare i cambiamenti in atto. Cambiamenti che, sottolinea Pisani, sono di carattere decisamente strutturale.

«L’attenzione alla sicurezza, al pari dell’attenzione a una sostenibilità certificata e non semplicemente dichiarata, saranno parte integrante del bagaglio di esigenze proprie delle nuove generazioni e della nuova ospitalità». Un’ospitalità che guarda al futuro con rinnovata fiducia. In modo particolare quella targata tricolore. «C’è tanta voglia di Italia – dichiara Pisani, di ritorno da ILTM 2021International Luxury Travel Market, dove è emersa una prospettiva per il lusso molto positiva per il 2022. – L’Italia è in booming. Sono convinto che da aprile ne vedremo i frutti».

INTERNATIONAL LUXURY TRAVEL MARKET

ILTM è l’evento principale a livello globale per il settore B2B di lusso. Offre occasioni di scambio, creazione di rete e focus sulle prospettive del turismo di lusso. Si tiene a dicembre, a Cannes

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.