TRA BEST PRACTICE E CERTIFICAZIONI

LA SFIDA DEL SOSTENIBILE IN HOTEL

#sostenibilità #bestpractice #ricerche

Tempo di lettura: 5 minuti

I numeri presentati nell’edizione 2021 del Food Industry Monitor, il cui campione rappresenta circa il 71% delle società di capitali operanti nel settore, raccontano un quadro nel quale il 93% delle aziende italiane si è impegnato a incrementare negli ultimi 5 anni gli investimenti in sostenibilità (leggi l’articolo qui). Un percorso di crescita significativo anche in termini di peso, con un incremento medio dell’investimento stesso che si è attestato al 38% dal 2015 ad oggi.

38%

INCREMENTO MEDIO DEGLI INVESTIMENTI IN SOSTENIBILITÀ*

*negli ultimi 5 anni                                                                                                         

Fonte: Carmine Garzia

Food Industry Monitor 2021

IMPATTO SULLA CRESCITA

Il mondo dell’ospitalità in particolare ha fatto propri, in questi anni, elementi distintivi in tema di impatto sull’ambiente. Coinvolgendo gli ospiti delle strutture in un percorso di presa di coscienza che si fa riconoscimento reciproco. È il caso dell’altoatesino Hotel Tyrol, in Val di Funes, vincitore, del premio Sustainability Award 2021, alla fiera “Hotel” di Bolzano per la categoria “Pionieri della Sostenibilità 2021”. «Il modello economico alternativo del bene comune si basa sui principi di solidarietà, giustizia, responsabilità ambientale e partecipazione» spiegano i titolari. In quest’ottica, l’Hotel Tyrol dispone per esempio di una propria centrale idroelettrica, grazie alla quale produce elettricità a impatto zero.

 

BEST PRACTICE

Best practice che vengono adottate anche da grandi hotel nel ramo del lusso. Duetorrihotels, per esempio, ha dato il via a un progetto green che coinvolge tutti gli ambienti dei suoi hotel, in collaborazione con Pedersoli Group, azienda tra le prime ad aver ottenuto la certificazione di processo ISO 9001 e di qualità igienica del prodotto UNI EN 14065. «L’attenzione alla sostenibilità – spiegano Tiberio Biondi e Elena Spadaro, Direttore e Vicedirettrice del 5 stelle L Grand Hotel Majestic di Bologna – è oggi una nuova componente del lusso stesso. Dall’abolizione della plastica, prima di tutto nei set di cortesia grazie alla collaborazione con Trussardi, alle ciabatte, all’uso di sacchetti biodegradabili, fino all’adozione di illuminazione esclusivamente a LED».

 

SCELTE CERTIFICATE

Altro tratto oggi ormai essenziale è la misurabilità e certificabilità. «Le nuove generazioni chiedono una nuova ospitalità, che rifiuta il superfluo, che certifica i propri sforzi e li comunica non per mettersi in mostra ma per tutelare tanto il cliente quanto l’ambiente» sottolinea Salvatore Pisani, General Manager dell’Hotel Splendid Venice – Starhotels. «L’uso di led a basso consumo – spiega il Direttore dell’Hotel Majestic Tiberio Biondi – si traduce in una ridotta emissione di CO2: l’equivalente di 8 alberi salvati per ogni ospite. Per tutta la comunicazione utilizziamo solo carta FSC, che certifica l’origine del legno e della carta». Scelte precise e misurabili, che si affidano alla certificazione di terzi per garantirne l’efficacia, garantendosi, al tempo stesso, una preziosa riconoscibilità.

CERTIFICAZIONI D’HOTEL

Sono tante le certificazioni in tema di sostenibilità, di diversa natura e livello, nazionali e internazionali, disponibili per i protagonisti dell’ospitalità italiana.

Eccone alcune.

EU ECOLABEL | Tra le principali e più diffuse certificazioni ambientali per il turismo in Europa dedicate a strutture e aziende che adottano fonti di energia pulita, riducendo il consumo di acqua, energia e produzione di rifiuti

B CORP | Le B Corp certificate mirano a massimizzare il loro impatto positivo verso dipendenti, comunità in cui operano, ambiente e stakeholder, scegliendo formalmente di produrre benefici di carattere sociale e ambientale oltre che economico. Presente in 153 settori e in oltre 77 Paesi

GSTC | Il Global Sustainable Tourism Council (GSTC) è l’organismo inter-nazionale nato dall’United Nations Environment Programme e dall’United Nation World Tourism Organization, per promuovere la sostenibilità e la responsabilità sociale. Certificazione volontaria riconosciuta in tutto il mondo

ISO 21401 | Turismo e servizi correlati, affronta principi inerenti ai diritti umani, alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro per i dipendenti e per gli Ospiti, alla protezione e tutela dell’ambiente, al consumo di acqua ed energia, alla produzione di rifiuti e allo sviluppo dell’economia locale. Coerente con gli SDGs previsti da Agenda 2030

 

ISO 14001 | Norma internazionale ad adesione volontaria. È una certificazione di processo

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.