ROBUR, L’EREDE ANALCOLICO DI FERRO CHINA BISLERI

ROBUR, INTEGRATORE ALIMENTARE ANALCOLICO EREDE DI FERRO CHINA BISLERI, REGISTRATO DAL MINISTERO DELLA SALUTE. IDEALE PER VEGANI E PER CHI HA CARENZA DI FERRO

#ferrochina #integratori #bevande

Tempo di lettura: 3 minuti

“FERRO CHINA BISLERI RIVIVE NELLA SUA VERSIONE ANALCOLICA”

 

 

Nuccio Caffo, AD di Gruppo Caffo 1915

Robur, in latino “forza”, è la novità assoluta presentata da Gruppo Caffo 1915. Creato dalla ricetta di Ferro China Bisleri, primo amaro aperitivo salutare, ma in versione analcolica, Robur è un integratore alimentare con tanto di registrazione presso il Ministero della Salute (codice registrazione n. 138070). Con il suo slogan “Robur, la bevanda che dà forza” nasce per ridare vigore soprattutto in caso di carenza di ferro. In altre parole, un vero e proprio ricostituente energetico.

NOVITÀ ROBUR

L’analcolico, riconosciuto a tutti gli effetti come integratore alimentare dal Ministero della Salute, è un infuso a base di china, citrato di ferro ed erbe rare dalle proprietà corroboranti digestive e aperitive. Perfetto per ritrovare forza, e vigore, soprattutto nel caso di carenza di ferro. Ideale per i vegani

IL RILANCIO DI FERRO CHINA BISLERI

Una proposta che si inserisce nella recente attività con la quale Gruppo Caffo 1915 sta rilanciando il marchio Bisleri. «Un marchio famoso in Italia e nel mondo dal 1881 per il Ferro China – spiega Nuccio Caffo, AD di Gruppo Caffo 1915 – uno dei liquori italiani più antichi, nato ad opera del garibaldino Bisleri, a base, come spiega il nome stesso, di ferro e di china. Veniva utilizzato come ricostituente e, a fine Ottocento, anche come cura della malaria, grazie alle proprietà della corteccia della china».

 

INTEGRATORE ALIMENTARE ANALCOLICO

Oggi Ferro China Bisleri si presenta dunque con una nuova veste, in forma analcolica, allargando la platea di potenziali consumatori anche al pubblico non adulto. «Si tratta di un integratore alimentare sotto forma di bevanda gassata che riprende il concetto originario di Bisleri – chiarisce Caffo – quello cioè di aiutare chi ha carenza di ferro, come per esempio i vegani, chi non mangia carne o chi ha problemi di anemia con una bevanda gradevole»

140 ANNI DI RICETTA

Con Robur, Caffo rende dunque attuale una ricetta nata a distanza di oltre 140 anni. Disponibile da pochi mesi sul mercato, sarà distribuito in tutto il mondo Horeca italiano, nei bar, nelle farmacie ed erboristerie e anche all’estero. «Abbiamo scelto nuovi canali – conclude Nuccio Caffo – perché questo prodotto è una bevanda fatta con ingredienti naturali e buona per la salute. Presto sarà diffusa anche fuori dall’Italia perché vogliamo che la fama mondiale che fu del Ferro China Bisleri si possa replicare anche per Robur».

LA STORIA DI FERRO CHINA BISLERI

La ricetta di Ferro China Bisleri contempla una miscela di citrato di ferro, corteccia di china calissaya ed erbe benefiche. Considerato il precursore degli integratori e ricostituenti. Fu inventato dal garibaldino Felice Bisleri (1881). Oggi rivive nel nome scelto in omaggio a Franco Bordoni-Bisleri, nipote aviatore di Felice, noto come il “Robur” dei cieli per la presenza di questa scritta posta sulla lingua di un leone rampante – logo simbolo della ditta del nonno – dipinta su tutti gli aerei da lui pilotati

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.